Tom Dumoulin “Freccia Rosa” sua la Cronometro del Sagrantino!

Con una splendida prestazione il campione nazionale olandese a cronometro  Tom Dumoulin (Team Sunweb) ha vinto la decima tappa , la Sagrantino Stage,  da Foligno a Montefalco per un totale di 39.8 km. Il podio è stato completato da Geraint Thomas (Team Sky), in netta ripresa dopo la caduta sul Blockhaus, e Bob Jungels (Quick-Step Floors).

Con la vittoria di tappa e il corposo ritardo di Nairo Quintana Tom Dumoulin  è la nuova Maglia Rosa. Adesso il vantaggio dell’olandese è di 2’23” sul precedente leader Nairo Quintana (Movistar Team), 2’38” su Bauke Mollema (Trek – Segafredo), 2’40” su Thibaut Pinot (FDJ) e 2’47” su Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida).

Grande cronometro anche per Vincenzo Nibali che recupera dal colombiano e adesso si trova a soli 24”.

Adesso l’uomo che preoccupa di più per il podio di Milano è proprio Tom Dumulin; il vantaggio accumulato oggi è un bello scudo da utilizzare durante l’ultima settimana. L’olandese durante il “Processo alla Tappa” ha dichiarato di voler provare a difendere la maglia fino a Milano. Riuscirà nell’impresa?

Un’ultima riflessione… dove sono finiti tutti i critici o pseudo commentatori che fino a ieri dicevano che Quintana sul Blockhaus aveva ammazzato il Giro?

Per la cronaca da registrare diverse cadute tra le quali Gaviria e l’ex iridato a cronometro Vasil Kiryienka oltre l’arrivo fuori tempo massimo del malconcio Matteo Pelucchi.

RISULTATO FINALE
1 – Tom Dumoulin (Team Sunweb) – 39.8 km in 50’37”, media 47,178 km/h
2 – Geraint Thomas (Team Sky) a 49″
3 – Bob Jungels (Quick-Step Floors) a 56″

Tom Dumoulin Fonte Foto: LaPresse – D’Alberto / Ferrari / Paolone / Spada – Comunicato Stampa RCS

CLASSIFICA GENERALE
1 – Tom Dumoulin (Team Sunweb)
2 – Nairo Quintana (Movistar Team) a 2’23”
3 – Bauke Mollema (Trek – Segafredo) a 2’38”
4 – Thibaut Pinot (FDJ) a 2’40
5 – Vincenzo Nibali (Bahrain – Merida) a 2’47

Tom Dumoulin nuova Maglia Rosa Fonte Foto: LaPresse – D’Alberto / Ferrari / Paolone / Spada – Comunicato Stampa RCS

Tom Dumoulin, subito dopo l’arrivo, ha dichiarato: “Guardando al risultato finale, sono andato forte. In realtà non mi sentivo molto bene, è stata una lotta con me stesso. L’ultima cronometro che ho fatto non era andata molto bene e mi aveva lasciato deluso. Oggi non mi sono mai arreso. Il nuovo distacco in Classifica Generale di 2’23” sembra positivo in vista delle montagne, ma in una tappa alla Vuelta mi è già successo di perdere tanto tempo. Posso dire per esperienza che il Giro non è affatto chiuso.”

MAGLIE

  • Maglia Rosa, leader della classifica generale,  Tom Dumoulin (Team Sunweb)
  • Maglia Ciclamino, leader della classifica a punti,  Fernando Gaviria (Quick-Step Floors)
  • Maglia Azzurra, leader del Gran Premio della Montagna, Jan Polanc (UAE Team Emirates)
  • Maglia Bianca, leader della Classifica dei Giovani, Bob Jungels (Quick-Step Floors)

La tappa dedicata al Ginettaccio nazionale può dare la sua


L’undicesima tappa da Firenze (Ponte a Ema) a Bagno di Romagna di 161 km (dislivello 3.500 m ) si presenta come un bel tappone appenninico. Si scaleranno 4 colli in sequenza senza tratti di pianura intermedi. Si tratta del Passo della Consuma (GPM 2^ categoria), del Passo della Calla (GPM 3^ categoria), del Passo del Carnaio (GPM 3^ categoria) e del Monte Fumaiolo (GPM 2^ categoria). Al termine del Passo del Carnaio primo passaggio per Bagno di Romagna sulla linea di arrivo. Si passa ad un anello di circa 52 km che dopo il GPM del Monte Fumaiolo prevede una lunga discesa fino all’arrivo.

In occasione della 100^ edizione il Giro d’Italia celebra Gino Bartali partendo da Firenze e in particolare sostando nella sua Ponte a Ema davanti al Museo del Ciclismo “Gino Bartali” dove sarà posto il km 0 della frazione appenninica.

Luigi - Appassionato di ciclismo, cicloamatore “completo” (lento su tutti i fronti: pianura, salita e discesa) e curatore del blog: "Soli al comando".

Pubblicato da solialcomando

Luigi - Appassionato di ciclismo, cicloamatore “completo” (lento su tutti i fronti: pianura, salita e discesa) e curatore del blog: "Soli al comando".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.