Filippo Ganna porta l’arcobaleno in Italia – Imola 2020

Filippo Ganna a bordo della sua Pinerello Bolide TT
Filippo Ganna Italy – Fonte foto sito ufficiale Imola 2020

Imola 25/09/2020. Spinge Filippo Ganna e lo fa con un ritmo incessante da 100 pedalate al minuto. Postura e cadenza impeccabili. Il suo “bolide” avanza senza freni infischiandosene del vento laterale che soffia a 31 km/h.

Filippo ha la velocità nel suo DNA e la corsa contro il tempo in lui è congenita. Una vita trascorsa ad inseguire il tempo alla conquista di titoli e record iridati (4 volte campione del mondo nell’inseguimento individuale su pista e campione nazionale a cronometro).

Avanza Filippo imperterrito verso l’Autodromo Dino ed Enzo Ferrari attratto, come una calamita, verso il tempio della velocità.

Ha solo 24 anni ma traccia il tempo come un “moderno” dio Chronos. Sul traguardo di Imola Ganna, nonostante le restrittive legate al COVID-19, viene assalito dallo staff dell’Italia. Quella di oggi è un’impresa storica in un momento storico. Chi l’avrebbe mai detto al CT Davide Cassani che un giorno si sarebbe ritrovato nei panni di selezionatore della nazionale a veder trionfare il suo ragazzo in quell’autodromo  dove, all’età di 7 anni, aveva visto vincere il Campionato del Mondo a Vittorio Adorni e da dove in lui era nata la passione per il ciclismo.

Come sarebbe stato bello poter essere lì in migliaia ad incitare il nostro atleta che si involava verso la vittoria finale! Purtroppo il COVID-19 ci ha privati anche di questo. Il ritorno alla normalità è ancora distante ma voglio ringraziare questi ragazzi che con la loro professionalità stanno riempiendo questo periodo di paure, ansie e restrizioni con le loro imprese sportive.

Filippo sarà al via al prossimo Giro d’Italia che aprirà i battenti il 03/10/2020 con la cronometro di Monreale. Sarà al via con addosso la maglia iridata. Chissà che con questo stato di forma non possa essere la prima Maglia Rosa del 2020?

Noi incrociamo le dita

A presto

Luigi

Filippo Ganna in maglia iridata

 

Luigi - Appassionato di ciclismo, cicloamatore “completo” (lento su tutti i fronti: pianura, salita e discesa) e curatore del blog: "Soli al comando".

Precedente Il Giro delle Fiandre ai tempi del Coronavirus Successivo Un rosa che non in"Ganna"!

Lascia un commento